Un pò di astrologia…celtica!

di

Per tradizione, ad ogni segno zodiacale, vengono associati piante e fiori che trovano corrispondenza in quel preciso segno dello zodiaco. L’astrologia celtica è un sistema lunare basato sullo studio dei dodici segni, rappresentati non da costellazioni, ma da una serie di alberi.

Da qui nasce la tradizione di piantare un albero corrispondente al proprio segno astrologico ad ogni nuova nascita.

Siete curiosi di sapere a quale albero è collegato il vostro segno?

astro-celti

Ecco qui i primi 5 segni celtici!!!!!

Nati dal 22 al 31 Marzo e dal 24 Settembre al 3 Ottobre: NOCCIOLO

Spesso fragili non si fanno particolarmente notare. Quasi non ci si accorge di loro. Ma, avvicinandosi ci si accorge del fascino e dell’intelligenza acutissimi. Il Nocciòlo è bravissimo nel far credere ai suoi interlocutori di considerarli intelligenti, eccezionali e di avere una certa predilezione per loro. Quando vuole, sa rendersi simpatico e farsi amare. Ma può essere negativo, cattivo, persino diabolico nei confronti di chi non gli va a genio. Molto abile nell’indovinare i pensieri segreti degli altri non si fa scrupoli nell’usare questa sua dote, nel bene e nel male. Però è un razionale: i suoi ragionamenti sono meravigliosamente logici. La sua intelligenza è sottile e intuitiva. Capisce tutto e impara con una tale facilità da ritenere che conoscesse già benissimo la materia trattata. Lo sostengono una memoria prodigiosa e una grande capacità di adattamento alle varie situazioni. Potrebbe diventare un geniale truffatore.

Nati dall’1 al 10 Aprile e dal 4 al 13 Ottobre : SORBO

Il Sorbo è forte, infaticabile e può affrontare qualunque situazione con successo. Amabile, affascinante, gentile, si muove con grazia. È piacevole osservarlo, perché i suoi gesti sono armoniosi e sul suo volto c’è sempre il sorriso, anche nei momenti più difficili. Non si tratta di indifferenza o distacco, ma di self-control, e forse anche di pudore, perché di pudore e di fierezza ne ha da vendere. Sa valorizzarsi, sa adattarsi facilmente a tutte le situazioni. È sempre disposto a fare favori agli amici, anche a scapito della propria tranquillità. Non è egoista, dunque. Però, è egocentrico e piuttosto narcisista.
Paradossalmente però, vive in un perenne senso di colpa e si sente responsabile di tutto. La semplicità gli fa difetto per cui si lascia prendere da stupidi scrupoli che finiscono col creare situazioni ingarbugliate.
Sensibile, fantasioso, il Sorbo ha una notevole disposizione per le arti; inoltre, dietro la sua apparente instabilità, esiste un solido buon senso, che spesso tarda a scoprire. Talvolta è un po’ sprovveduto e si lascia imbrogliare con una certa facilità, perché, se è vero che lui sa mentire, ha l’ingenuità di credere che gli venga sempre detta la verità.

Nati dall’11 al 20 Aprile e dal 14 al 23 Ottobre: ACERO

Sempre in ordine, spesso vanitoso, l’Acero cura moltissimo la propria persona. Forte, instancabile, ha una grande resistenza. Molto riservato, piuttosto chiuso e timido di natura, può diventare audace se spinto dalla curiosità insaziabile che lo caratterizza. Esce molto, gli piace fare nuove conoscenze e ricevere confidenze. Ma non abbiate timore di confidargli i vostri segreti: non giudica e non ne parla con nessuno…tutt’al più ne scrive! L’Acero è sempre alle prese con strampalati progetti. Sempre al corrente di quanto c’è di nuovo, si fa portavoce di idee di avanguardia che raramente mette in pratica. Il rischio che spesso corre è quello di lasciarsi andare a eccessi. Autodidatta erudito, questo intellettuale senza diplomi, nonostante la sua intelligenza riflessiva, non manca di immaginazione e di intuizione. È brillante, lucido, dotato. Purtroppo, non usa queste sue doti per immediati fini di generosità.
La sua filosofia lo porta ad attribuire maggiore importanza al futuro che al presente. Chi può dire come sarà la sua vita? Certo stimolante, avrà sempre il coraggio di essere se stesso e si circonderà di gente interessante, che egli stesso saprà interessare.

Nati dal 21 al 30 Aprile e 24 Ottobre al 2 Novembre : NOCE

Bello, raffinato, prezioso oppure tarchiato, scostante. In entrambi i casi non è spontaneo perché in realtà è un grande timido che adotta l’uno o l’altro travestimento. È inoltre pieno di contraddizioni: è capriccioso, aggressivo, talvolta un po’ crudele e allo stesso tempo è generoso, ospitale, di ampie vedute. Dà e riprende, senza alcuna ragione logica, la sua amicizia e anche il suo amore. Leale e disonesto, fedele e incostante, manca soprattutto di lucidità. Il Noce è calcolatore e persino machiavellico. È uno stratega geniale, gli piace attorniarsi di un gruppo di gente selezionata su cui esercita un fascino cui nessuno si sottrae. È anche un organizzatore nato, dote che tende a ostentare.
Non accetterà mai compromessi; o, meglio, non darà mai l’impressione di farlo, perché qualunque azione decide di compiere, avrà sempre l’illusione di agire secondo coscienza.
Nonostante la presenza del gruppo, sarà un solitario, un isolato, un individualista. Il nativo non indietreggia di fronte ad alcun mezzo che gli garantisca il successo.

Nati dal 15 al 24 Maggio e dal 12 al 21 Novembre: CASTAGNO

Per stare bene ha bisogno di spazio. Il castagno ha innato il senso della giustizia; le ingiustizie lo disgustano ed è capace di reagire ad esse in modo violento, anche perché è piuttosto collerico. Subirà purtroppo degli smacchi perché, per nulla diplomatico, si inimicherà parecchia gente, soffrirà, e sarà deluso.
È sensibile, emotivo. Abbastanza impacciato durante la giovinezza, migliora col tempo. Docile ma tenace insieme, autoritario, volitivo, testardo, ma anche tenero, moralista fino a essere puritano, in cambio ama il comfort e il lusso e ha una spiccata sensualità.
La sua morale non conformista gli costa cara; troppo anticonvenzionale per essere capito, la gente lo segna a dito e lo giudica poco scrupoloso; ma bisogna anche dire che non gli dispiace stupire. È un rivoluzionario. Però, nel Castagno c’è anche un aspetto saggio, previdente; sa stabilire molto bene un budget e gestirlo, resistendo alle tentazioni.
La sua intelligenza concreta si basa sull’esperienza e sull’osservazione. Raramente possiede dell’immaginazione. Ma il fatto che sia preciso e capace nel pensare non gli impedisce di sognare: è un filosofo costruttivo che sa tradurre i sogni in realtà.

Vi riconoscete???

Commenta l'articolo