..ad ogni albero il suo carattere !!!

di

Ecco qui gli altri 5 segni celtici!!!!!

Nati dal 15 al 24 Maggio e dal 12 al 21 Novembre: CASTAGNO

Per stare bene ha bisogno di spazio. Il castagno ha innato il senso della giustizia; le ingiustizie lo disgustano ed è capace di reagire ad esse in modo violento, anche perché è piuttosto collerico. Subirà purtroppo degli smacchi perché, per nulla diplomatico, si inimicherà parecchia gente, soffrirà, e sarà deluso.
È sensibile, emotivo. Abbastanza impacciato durante la giovinezza, migliora col tempo. Docile ma tenace insieme, autoritario, volitivo, testardo, ma anche tenero, moralista fino a essere puritano, in cambio ama il comfort e il lusso e ha una spiccata sensualità.
La sua morale non conformista gli costa cara; troppo anticonvenzionale per essere capito, la gente lo segna a dito e lo giudica poco scrupoloso; ma bisogna anche dire che non gli dispiace stupire. È un rivoluzionario. Però, nel Castagno c’è anche un aspetto saggio, previdente; sa stabilire molto bene un budget e gestirlo, resistendo alle tentazioni.
La sua intelligenza concreta si basa sull’esperienza e sull’osservazione. Raramente possiede dell’immaginazione. Ma il fatto che sia preciso e capace nel pensare non gli impedisce di sognare: è un filosofo costruttivo che sa tradurre i sogni in realtà.

Nati dal 25 Maggio al 3 Giugno e dal 22 Novembre all’1 Dicembre: FRASSINO

Il Frassino ha stile. Piacevole da vedere, slanciato, disinvolto, solo lievemente impacciato. Certo, non è un tipo facile. Ha carattere, è esigente, vuole le sue comodità, ama vivere come gli pare (anche a spese degli altri) e non darsi troppo da fare.È molto ambizioso per quel che riguarda la sua felicità: se decide che per essere felice deve avere successo, bene, avrà successo. La felicità è essenziale per lui e ha in sé una dose sufficiente di sano egoismo per ottenerla. La sua intelligenza è tutta fatta di intuizione: è infatti fantasioso, originale, il più delle volte lontano dalla cerebralità; e per queste doti come il Salice, il Nocciolo e il Sorbo è un po’ mago. Il Frassino saprà giocare bene col proprio destino. È un albero benefico: riposatevi alla sua ombra e starete bene, anche se vi dovesse calpestare un po’ i piedi.

Nati dal 4 al 13 Giugno e dal 2 all’11 Dicembre : CARPINO

Ha sempre un atteggiamento di vaga superiorità, per cui non si interessa quasi a niente, se non, forse, alla bellezza. È un esteta, un perfezionista che in certi casi estremi può raggiungere forme maniacali.
Il Carpino ha uno spiccato senso della disciplina, dell’obbedienza. Gli piace moltissimo far parte di un gruppo organizzato, portare qualche insegna e assistere a riunioni. In cima ai suoi sogni c’è la massima onorificenza dello Stato. Per tutta la vita subirà il fascino delle decorazioni, sarà sempre pronto per una sfilata. Di rado prende iniziative: detesta le responsabilità, non ama prendere decisioni, perché ha sempre paura di sbagliare e preferisce di gran lunga obbedire a regole precise invece di star lì a dover soppesare i pro e i contro. Ha però un grande senso del dovere, e vorrebbe essere «il primo della classe»: talvolta vi riesce, perché ha un grande spirito di sacrificio. Molto conservatore, non sopporta lasciarsi andare, guarda con diffidenza le idee nuove, che fa sue solo dopo averle ben vagliate.

Nati dal 14 al 23 Giugno e dal 12 al 21 Dicembre: FICO

Non tollera le avversità, che possono farlo inaridire. Bisogna dire che si lascia abbattere facilmente. È un tipo pratico, lucido, lo si capisce subito, e la sua intelligenza ha sempre un pizzico di humour. Ride spesso di se stesso e sa esattamente quello che può aspettarsi – o non aspettarsi – dalle proprie forze: infatti ha una chiara visione dei propri limiti, che non cerca di oltrepassare. Tuttavia, i rimproveri che si fa, la sua costante autocritica spesso gli impediscono di venir fuori completamente. Ma ha i piedi per terra ed è abile negli affari. Non abbiate dubbi nel rivolgervi a lui: vi darà sempre buoni, costruttivi consigli.

Nati dal 24 Giugno al 4 Luglio e dal 23 Dicembre all’1 Gennaio: MELO

Non è privo di saggezza ed è questa sua saggezza che lo porta a vivere semplicemente giorno per giorno, senza pensare al domani. Fa spesso debiti di cui si dimentica. È un filosofo pieno di fantasia, un saggio, solo un po’ strampalato. Purtroppo nella nostra epoca tali caratteristiche sono considerate un po’ quelle degli sciocchi: e invece il Melo è intelligente, riflessivo, ha capacità deduttive e interesse per le scienze; legge avidamente tutto quanto gli capita in questo settore. È sempre molto bene informato, ma non ostenta ciò che sa. Molto generoso è incapace di qualsiasi calcolo. Purtroppo si lascia facilmente influenzare e, trovandosi in un ambiente fatuo e superficiale, tende a diventare come la gente che lo circonda.

Commenta l'articolo