I lavori di Dicembre per il vostro giardino

di

E’ arrivato il momento del riposo, dopo le fatiche autunnali tutto diventa attesa: le operazioni del mese non sono urgenti e si eseguono quando si può.

IN CASA E TERRAZZO
In luna crescente nel Sud Italia entro la prima metà del mese terminate di interrare i bulbi a fioritura primaverile mentre in luna calante nel Sud Italia allestite le protezioni per le piante più delicate che svernano fuori.

IN GIARDINO
In luna crescente mettete a dimora, in una giornata tiepida, nel Sud Italia le biennali seminate in estate, e nel Centro-Nord Italia, laddove la terra non è gelata, gli arbusti e i rampicanti caducifogli, e i rosai, in luna calante effettuate le ultime lavorazioni del terreno. Allestite eventuali protezioni dell’ultimo minuto. Potate alberi, arbusti e rampicanti a foglia caduca. Controllate e, se necessario, ripristinate la pacciamatura antifreddo.

Il clima invernale ci porterà, almeno nelle zone più settentrionali della nostra penisola, le prime gelate. Riparite pertanto le piante che più temono il freddo. Ideale per proteggere le piante sono foglie di faggio o paglia. Per le acidofile si consiglia l’utilizzo di aghi di pino o di torba. Diminuite le annaffiature e interrompiamo le concimazioni.
Il prato è a completo a riposo. Per questo motivo interrompete ogni tipo di concimazione o diserbo. Evitate di calpestare il tappeto erboso quando è gelato e rastrellate tutte le foglie secche al fine di evitare che, marcendo, provochino muffe o funghi. Nelle zone a clima più rigido è bene ricoverare in serra fredda le piante delicate coltivate in vaso come oleandri, limoni, bougainvilee, gardenie, ecc. Ripariamo anche lantane, fucsie e hibiscus.

NELL’ORTO
In luna crescente seminate a dimora sotto serra, nelle zone meno fredde del Centro-Nord il ravanello. Raccogliete cavoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, verze e porri, e sotto serra valeriana, spinaci e radicchi ein luna calante seminate a dimora sotto serra lattuga e radicchio da taglio. Effettuate le ultime lavorazioni del terreno interrando il concime (preferibilmente di tipo organico, come il letame o lo stallatico pellettato). Nella prima metà del mese procedete con gli ultimi imbianchimenti di radicchi e porro. Controllate patate, cipolle e zucche in magazzino.

NEL FRUTTETO

Anche nel frutteto, se il terreno non è gelato, possiamo piantare nuovi alberi da frutto. Per piantare adeguatamente una pianta da frutto dovremo predisporre una buca di circa 50-60 cm di profondità e di 40-50 cm di diametro. Sul fondo della buca mettiamo del letame ben maturo che ricopriremo con uno strato di terra di 10 cm circa in modo che le radici non entrino in contatto con lo stesso. posizioniamo quindi la pianta al centro della buca e copriamo il tutto con un terriccio composto da 3 parti di terra, 1 parte di torba e una parte di humus di lombrico. Evitiamo di potare le piante durante i mesi più freddi al fine di evitare che le gelate rovinino i rami. Spargiamo del letame maturo intorno alle piante da frutto già a dimora, senza toccare il tronco, e se possibile vanghiamo. Trattiamo con fungicidi tutti i frutti del giardino. questa operazione è assolutamente indispensabile su peschi, ciliegi, albicocchi e susini.
Nel frutteto raccogliamo le ultime mele e pere a maturazione tardiva se non lo abbiamo già fatto in precedenza. La stagione è buona anche per la raccolta dei kiwi. Spargiamo del letame maturo intorno alle piante da frutto, senza toccare il tronco, e se possibile vanghiamo. In luna calante iniziate le potature. Prelevate le marze per gli innesti primaverili (da conservare nella sabbia in cantina). Ripulite il terreno e gli alberi dai residui come foglie cadute, frutti mummificati o caduti. Pulite i tronchi con la spazzola di ferro raccogliendo tutto il materiale che si stacca. Terminate la raccolta delle olive. Controllate tutta la frutta immagazzinata: mele, le ultime pere e nashi, kaki e kiwi, eventualmente l’uva tenuta da parte per l’ultimo dell’anno, frutta secca oleosa ecc.

Commenta l'articolo