Il giardino in estate: cosa fare

di

giardino estate

I mesi estivi sono decisamente propizi anche per propagare molte piante del giardino, ed anche da appartamento; gli arbusti sempreverdi e da fiore, prime fra tutti le rose, si propagano per talea in agosto, per ottenere degli esemplari radicati da porre a dimora già in autunno, o la primavera successiva. In questo periodo dell’anno generalmente si dividono dalle piante madri i polloni basali di arbusti e di rampicanti.

É anche possibile seminare le piante perenni da fiore, che potremo porre a dimora in autunno. Talee, polloni basali e piccoli esemplari da seme andranno conservati in luogo fresco, ben ventilato ed al riparo dal sole, per evitare che dissecchino; ricordiamoci di annaffiare regolarmente, ed evitiamo di preparare talee e semenzali appena prima di partire per le vacanze, altrimenti cerchiamo qualcuno che si possa preoccupare delle nostre nuove piante mentre siamo lontani.

Nell’orto e nel frutteto finalmente è arrivata la stagione delle grandi raccolte: pomodori, zucchini, insalate varie, fagiolini, fagioli, piselli, peperone, melanzane; tutto è pronto per il raccolto. Anche in questo caso ricordiamoci di annaffiare regolarmente, cercando di bagnare il terreno in profondità e fornendo l’acqua ogni 2-3 giorni; non è periodo di concimazioni ricche in azoto, anche se è consigliabile aggiungere un poco di humus al terreno dei nuovi impianti o dei trapianti. Preferiamo ora concimi poveri in azoto e ricchi in potassio, per favorire lo sviluppo dei frutti, ed il loro sapore e profumo.

Sedano, cipolle, melanzane, cardi, cavoli e porri necessitano di essere incalzati, ogni 3-4 settimane: con una zappa avviciniamo del terreno alla base della pianta, in modo da favorire lo sviluppo delle radici in profondità e di imbianchire le verdure a cespo, le cipolle ed i porri.

Per ottenere pomodori grossi e succosi è necessario praticare periodicamente la sfemminellatura: si tratta dell’asportazione dei germogli che crescono tra il fusto e le foglie; oltre a quest’operazione è consigliabile, durante le prime settimane di luglio, asportare anche 2-3 rami nella parte bassa della pianta di pomodoro, utilizzando un coltellino ben affilato; Dopo la formazione del terzo o quarto palco di frutti è anche consigliabile cimare le piante, asportando la parte apicale, per favorire lo sviluppo dei frutti.

Se intendiamo seminare rapanelli ed insalate in genere, è consigliabile effettuare delle semine scalari: ogni 2-3 settimane seminiamo la verdura da noi scelta in un piccolo appezzamento dell’orto; in questa maniera otterremo verdure sempre fresche.

Le piante da frutto possono necessitare di una leggera potatura verde, con la quale si interverrà per asportare i rami troppo lunghi o che si discostano eccessivamente dalla chioma; se alcune delle nostre piante sono troppo cariche di frutti cerchiamo di staccarne una buona percentuale, in modo da evitare la rottura dei rami e da ottenere minori quantità di frutti ma di migliore pezzatura.

Durante i mesi di luglio ed agosto facciamo attenzione agli insetti presenti sulle piante del giardino, afidi, cocciniglie ed acari sono i più diffusi; l’utilizzo di un insetticida è sconsigliato durante i periodi di fioritura, ed anche durante le ore del giorno, è bene praticare i trattamenti nelle prime ore del mattino o di sera.

Dopo temporali o brevi periodi perturbati, le temperature non altissime e la forte umidità causano un rapido proliferare di malattie fungine, ricordiamo quindi di praticare un trattamento a base di zolfo dopo ogni precipitazione molto consistente, seguita da alcune ore fresche, sia nel giardino sia nell’orto.

Controlliamo periodicamente l’orto, in questi mesi proliferano gli afidi, le lumache, la dorifora e moltissimi altri insetti, che potrebbero causare la perdita di gran parte dei frutti.

Nelle zone in cui molto spesso si presenta il fenomeno della grandine è bene considerare di riparare l’orto con dei teli antigrandine, in modo da contenere i danni causati da questo fastidioso fenomeno.

approfondimenti: www.giardinaggio.it

Commenta l'articolo